Primi

Piatti tipici siciliani: la pasta con le sarde

Durante un pranzo domenicale nonna Concetta racconta ai nipoti la ricetta della pasta con le sarde tramandatale dalla sua carissima mamma. A Palermo la pasta con le sarde, dice nonna Concetta, si fa con bucatini, sarde, finocchietto e l’aggiunta di zafferano.

La nuora Rosy, però, non è d’accordo. Altro che zafferano, la pasta con le sarde va semplice anzi lei aggiunge un pizzico di concentrato di pomodoro.

E chi pensa alla piccola Carmela che non mangia le sarde? A Palermo esiste una pasta per tutti anche la variante senza pesce con le sarde a mare!

Insomma, trovare la quadra in questo piatto tipico siciliano non è semplice ma sugli ingredienti principali siamo tutti d’accordo: finocchietto selvatico, sarde, passolina e pinoli e bucatini.
Questo piatto è in grado di esprimere la veracità e i contrasti della nostra terra, dal profumo inebriante del finocchietto di montagna all’odore del mare delle sarde. La sua bontà metterà tutti d’accordo.

Pasta con le sarde

Tempo di Preparazione: Tempo di cottura: Difficoltà: Media

Ingredienti

350g Bucatini

500g sarde

200g finocchietto selvatico

80g cipolle

50g mix uva passa e pinoli

30g pangrattato

olio, sale, pepe q.b.

Preparazione

Acquistate delle sarde già pulite per facilitarvi la preparazione, qual’ora non lo fossero, togliete la testa, tagliatele a metà a libro ed eliminate la lisca centrale.

In padella fate un soffritto con olio e cipolla tagliata finemente. Se volete potete far stemperare dello zafferano nell’acqua e versarlo nella padella, successivamente aggiungete le sarde. Aggiungete pinoli e uva passa e cuocete a fiamma bassa per circa 10 minuti.

Fate bollire il finocchietto selvatico, scolatelo e non appena si raffredda un po’ tritatelo con un coltello, unitelo al condimento della padella e aggiustate con pepe e sale.

N.B. Conservate l’acqua di cottura del finocchietto ed utilizzatela per cuocere la pasta. In questo modo la pasta si insaporirà ancora di più dell’aroma inebriante del finocchietto selvatico.

Fate atturrare del pan grattato tostandolo in padella con dell’olio. Giratelo spesso per evitare che si bruci.

Scolate la pasta al dente, spadellatela con il condimento e servite spolverando sopra la mollica atturrata!

Si ringrazia il Ristorante Buatta Cucina Popolare – Via Vittorio Emanuele 176, Palermo – per il set fotografico.

 

 

Made with by DRTADV